Aboubakar #verbamigrant

Il barcone con cui è partito Aboubakar ospitava a bordo più di cento persone. È salpato di notte, inoltrandosi in un mare nero e infinito, con le onde sempre più alte e le luci della costa sempre più lontane e fioche. Ricordo i pianti acuti dei bambini, ma ricordo sopratutto il pianto strozzato degli adulti,…

Stephan #verbamigrant

Stephan ha impiegato 5 anni a raccontare il suo dramma. Abbiamo parlato di tutto: del suo lavoro di insegnante in Nigeria, delle sue poesie, della fuga dal terrore seminato da Boko Haram, del senso di colpa per essere fuggito, dell’amore per Ilaria, la sua fidanzata. Pensavamo di aver parlato di tutto. Non avevamo parlato di…

Major #verbamigrant

Major ci viene incontro con lo sguardo rivolto altrove, assorto e assente al tempo stesso. Con un passo molto stentato, quasi claudicante, resta subito indietro, rispetto al nuovo gruppo di dieci giovani ragazzi eritrei che si avvicina ai volontari Baobab dedicati alla prima accoglienza. Impossibile non notarlo. Quando Major ha lasciato il suo villaggio in…

Let’s play the real “game”?

– Cosa ti manca di più? – La mia famiglia, i colori e gli odori della mia terra e…il Cricket! Il Cricket: il gioco, l’improvvisazione in strada con qualsiasi cosa possa lontanamente somigliare a una mazza e a una palla. Perché sono adolescenti, sono bambini: hanno al massimo 20 anni, anche se già mille vite…

Nadia e Ines #verbamigrant

Squilla il telefono. Sono le due di notte. “Ci sono due giovani donne africane che dormono su un giaciglio di fortuna fuori dal Centro d’accoglienza comunale di Via Assisi” A chiamare sono gli operatori della Sala Operativa Sociale, costretti a contattare una Associazione di volontariato nel disperato tentativo di non abbandonare in strada due ragazze…

Personaggi in cerca di un autore diverso

Si apre il sipario. Entrano in scena gli attori di questo dramma che si replica, ormai, da anni e anni. Il Migrante. Il Burocrate. L’Avvocato. Tre personaggi che il loro autore l’hanno già trovato. Anzi gli autori sono due. Si chiamano Umberto Bossi e Gianfranco Fini. Poi ci sono stati degli sceneggiatori di quart’ordine che…

Ramadan 2021

Da sette anni il Ramadan, che comincia oggi per l’anno 2021, ha scandito il tempo di Baobab Experience.Per tanti volontari e volontarie è stata una scoperta; per le decine di migliaia di persone migranti ospitate dal 2015 nei nostri presidi e campi è il momento di riflessione individuale e collettiva, è religione e preghiera, digiuno…

Malik #verbamigrant

Malik e’ nato in #Guinea. È in Italia da anni e si arrangia come può – per pochi euro e senza contratto – come addetto alla pulitura delle stalle nelle campagne campane.Vive in un rudere abbandonato, invisibile agli occhi del mondo.Quando un suo connazionale, intento a riparare il tetto di una struttura per il ricovero degli…

Abdel #verbamigrant

Abdel è giunto al presidio Baobab pochi giorni fa. Ha 15 anni. La pelle devastata dalla scabbia, bruciori in tutto il corpo e dolori tali che siamo costretti a chiamare un’ambulanza. Strappato ai banchi di scuola dalla violenza endemica del #Darfur Abdel ha intrapreso la truck route che da Tina – cittadina al confine tra…

Lettera aperta a Federica Angeli

Testo della lettera che il presidente di Baobab Experience Andrea Costa ha inviato alla Dott.ssa Federica Angeli, delegata del Sindaco di Roma alle periferie, alla legalità, ai rapporti con le associazioni civiche. Come già dettagliatamente riportato in tre esposti e una lettera aperta inviati nei mesi passati e allegati alla presente, il meccanismo atavicamente farraginoso del circuito formale dell’accoglienza…

Bosnia e rotta balcanica: fuori dai luoghi comuni

Cosa sta succedendo in Bosnia e lungo la Rotta Balcanica? Un doveroso appunto, fuori dai luoghi comuni, dopo la nostra terza missione nel Paese. Buona lettura! Le not so frequently asked questions