In transito

Via Cupa a Roma, tra la stazione Tiburtina ed il Cimitero Comunale del Verano, il nome non evoca pensieri positivi e, a giudicare dalla posizione della stessa, viene facile ironizzare sul sentimento che abbia animato il preposto al comune di Roma per la scelta di un simile nome. La via è piccola e quasi nascosta alla vista di chi, trafelato e distratto dal quotidiano, percorre giornalmente in auto la caotica e trafficata via Tiburtina. In 45 anni non avevo mai avuto ragione o motivo di mettervi piede e probabilmente non ne avrei avuti per molto tempo ancora se non fosse per il fatto che oggi in questa via esiste una realtà come quella del centro di accoglienza per migranti in transito “Baobab”. Un’ex vetreria abbandonata completamente autogestita da volontari romani (ma non solo) in cooperazione con le centinaia di migranti, per lo più eritrei, somali ed etiopi, che fuggono dalla fame e dalle dittature, ed approdano in Italia per mezzo dei tristemente noti “viaggi della speranza e del terrore”. Qui, giornalmente, trovano accoglienza 300-400 persone (con punte registrate anche fino a 800 e più) in una struttura troppo piccola per contenerne così tanti. La maggior parte dei migranti sosta solo per pochi giorni e poi va via, verso i paesi del nord, cercando di ricongiungersi ai familiari o amici che già sono in quei paesi. Con questo racconto fotografico abbiamo cercato di documentare una realtà storiografica che, pur essendo ben visibile all’interno del contesto urbano, tende al tempo stesso a non essere vista, perché inglobata nei ritmi confusivi del quotidiano. Abbiamo voluto raccontare, attraverso lo strumento fotografico, i momenti salienti di vita del centro nel loro fluire, mostrando le persone, i luoghi, gli oggetti che caratterizzano il centro stesso, divenuto simbolo per i diritti dei migranti e il loro libero transito. Raccontiamo la storia di tante persone e degli operatori che le accompagnano in questa fase del loro percorso, partendo dall’idea che sono i fatti a parlare, nella loro concretezza più potente ed eloquente di qualsiasi strumentalizzazione ideologica.

10403851_10208268664023358_7172920267697438297_o

Gli arredi del Baobab in sintonia con le origini degli occupanti, l’organizzazione e la pulizia, sono la cosa fondamentale da mantenere per garantire agli ospiti un ambiente igienico e al tempo stesso il più confortevole possibile

12068868_10208268676783677_1737827345760820565_o

Un pasto caldo, cure, vestiti da indossare, un materasso per dormire e assistenza legale è quanto viene garantito ed offerto alle persone.

12080388_10208268740065259_362679065490815778_o

12087273_10208268742865329_2436455583068631941_o

Dare prima di ricevere. Nelle molteplici criticità dell’organizzazione autogestita, la cooperazione diventa fondamentale per far funzionare la macchina, questo lo sanno i volontari ma anche gli ospiti del centro che quindi si attivano per mantenere puliti i locali, far da mangiare e garantire una comunicazione efficace tra le varie etnie.

Al Baobab non si accettano soldi in contanti, solo aiuti materiali. Il viavai di auto e furgoni, carichi di cibo, suppellettili, vestiti ecc. è pressoché costante. All’arrivo di un’auto, insieme ai volontari del centro, partono gruppi di migranti che si fan carico di portare il cibo nelle dispense ed i materiali nei magazzini. La raccolta dei materiali, dei cibi, dei vestiti e delle medicine è gestita quotidianamente.

10989115_10208269095674149_3100938102710180550_o            12087665_10208269442002807_845664423878489982_o

Comunicare è fondamentale! Tutti possiedono un telefonino, ma non è un vezzo, è l’unico strumento grazie al quale possono rimanere in contatto con i familiari lasciati al loro paese o con quelli con i quali potersi ricongiungere nei paesi di arrivo. Senza cellulare non puoi partire perché è con questo che paghi il viaggio ai trafficanti di uomini, che ben conoscono i moderni mezzi di trasferimento di denaro telematico, si fa tutto con il cellulare. Le ricariche telefoniche sono l’unica cosa che il centro non può permettersi, è facile allora che qualcuno, meno schivo e diffidente, cerchi di avvicinarti con la richiesta di una scheda per la ricarica

12052653_10208269765090884_4052972043643788642_o                         12094886_10208269769570996_2264101145776544504_o

Il quotidiano di questi giovani ragazzi trascorre in una sorta di limbica attesa. Sono tutti potenziali rifugiati politici che però non chiedono asilo in Italia perché in Italia non hanno intenzione di rimanere e il trattato di Dublino parla chiaro, se richiedi asilo in un paese europeo, il riconoscimento del diritto vale solo per quel paese e solo in quel paese potrai muoverti liberamente. Alle loro spalle un passato difficile, duro, davanti un futuro incerto ed altrettanto difficile. Nell’attesa di riprendere il lungo viaggio, le giornate trascorrono lente, spesso noiose, poi arriva un’auto che, tra le cose da donare, scarica un paio di palloni e allora, per qualche momento, i ragazzi si rianimano giocando a basket o a calcio in strada. Qualche ragazza si rivolge al parrucchiere improvvisato, altri semplicemente osservano ed attendono un futuro migliore.

12109919_10208269882853828_7248769414324700170_o 12052369_10208281429182479_7008577160903143714_o 12079924_10208273085853901_5391641352642860504_o     12087288_10208269897934205_8330818881090790226_o

12113337_10208269889333990_6696211791174503819_o      12120113_10208281427222430_1183882166807702593_o

Foto e testi di Gian Luca Bertarelli e June RainBow 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...