Ricordando le sorelle e i fratelli siriani

Oggi ricorrono due anni dal tragico naufragio al largo del Mediterraneo in cui hanno perso la vita molti profughi siriani, in fuga dalla guerra. Poco più di una settimana fa abbiamo commemorato con i nostri ospiti le 366 vittime eritree di Lampedusa. Ancora adesso esiste un mare amico e un mare nemico. A fare la differenza è il tipo di viaggio. Quando l’esodo di un popolo è affidato a un mare nemico, con mezzi di fortuna e nelle mani dei trafficanti, è l’umanità tutta ad essere responsabile. Nell’indifferenza, nelle omissioni, nel silenzio. Non intervenire nel salvare, nel prevenire, nell’accogliere significa essere complici di quel mare ostile #NoBorders #WelcomeRefugees

La foto è di Valerio Muscella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...